Altri frutti di mare

I frutti di mare o molluschi sono alimenti ad elevato valore nutrizionale, apportando al nostro organismo proteine, lipidi, sali minerali e vitamine di grande qualità.

Il loro basso contenuto lipidico, circa l'1/2%, conferisce a questi animali un limitato apporto calorico, sotto le 100 Kcal per 100 grammi di prodotto, ed in particolare il contenuto in lipidi è caratterizzato da alti livelli di acidi grassi polinsaturi. Questi favoriscono la fluidità del sangue, riducendo l'insorgere di malattie cardiovascolari come ictus e infarti.

Per quanto riguarda i sali minerali, invece, i molluschi forniscono un significativo apporto di calcio, fosforo, rame, zinco, magnesio e sodio. Ancora più consistente è il loro contenuto di iodio e selenio, tipico di tutti i prodotti ittici.


RICCIO DI MARE

Paracentrotus Lividus

Il riccio di mare appartiene alla famiglia degli Echinidae e vive a contatto con il fondo marino o comunque fissato ad un substrato solido.

I ricci di mare prediligono profondità basse e spesso popolano le pregiate praterie di posidonia, piante di cui si nutrono e di cui spesso utilizzano l'ombra.

I ricci di mare freschi rappresentano una ricca fonte proteica, forniscono buone quantità di fosforo e ferro, mentre hanno un basso contenuto di grassi.

Durante i mesi di maggio e giugno, causa fermo-pesca, i ricci di mare italiani non si possono consumare.

TARTUFO DI MARE

Venus Verrucosa

Il tartufo di mare è un mollusco bivalve appartenente alla famiglia dei Veneridi, che vive e prospera nei fondali sabbiosi e fangosi a circa 20 metri di profondità, infossandosi e respirando attraverso i sifoni.

I tartufi di mare hanno una conchiglia solida e resistente, dalla superficie rugosa solcata da striature in rilievo. L'interno del guscio è lucido e di colore bianco, mentre l'esterno può presentare varie tonalità, dal giallo chiaro al beige.

Il tartufo di mare italiano non supera generalmente mai i 6 centimetri di grandezza, con gli esemplari più comuni che si aggirano sui 3-4 centimetri. Vengono quasi esclusivamente pescati, specialmente nella zona del Golfo di Napoli e in Puglia.

LUMACHINO DI MARE

Nassarius Mutabilis

Il lumachino di mare è un mollusco gasteropode dalla conchiglia tondeggiante ad andamento spiraliforme, con apertura di forma semicircolare. Il guscio ha una superficie liscia ed è giallo scuro con macchie irregolari.

Questi frutti di mare hanno un elevato valore nutrizionale, in quanto contengono proteine ricche di amminoacidi essenziali, molto più digeribili di quelle contenute nelle carni degli animali terresti. I lumachini di mare freschi, inoltre, contengono lipidi, sali minerali e vitamine in grandi quantità.

Il lumachino di mare italiano viene pescato durante l'arco di tutto l'anno, principalmente nel Mar Adriatico, dal momento che predilige i fondali sabbiosi e poco profondi del Mar Mediterraneo.

TELLINA

Donax trunculus

La tellina è un mollusco bivalve appartenente alla famiglia delle Tellinidae, dalla conchiglia di forma triangolare ma arrotondata nella regione ventrale, con superficie esterna lucida e ricoperta da un sottile strato di epidermide di colore oliva chiaro.

Il guscio della tellina può variare dal bianco-avorio al marroncino, fino al viola chiaro, mentre all'interno risulta bianco con estese zone viola.

L'habitat ideale delle telline è il fondale sabbioso, direttamente esposto al moto ondoso, preferibilmente in acque dalla bassa profondità.

La tellina è un mollusco comune in tutto il Mediterraneo (soprattutto nel Mar Tirreno), nel Mar Nero e nell'Atlantico in generale, ha una lunghezza media di 20 millimetri, ma può raggiungere anche i 50 millimetri.

MURICE SPINOSO

Murix Brandaris

Il murice spinoso è un mollusco gasteropode facente parte della famiglia delle Muridae, somigliante ad una grossa lumaca, con una robusta conchiglia ornata di spine e dalla forma difficilmente confondibile.

La colorazione esterna del guscio varia dal giallo al marrone, quella dell'ampia apertura ovale dal giallo all'arancio, mentre il corpo del mollusco è scuro con possibili striature nere.

Il murice spinoso fresco si può facilmente trovare in tutto il Mar Mediterraneo, in particolar modo in Alto Adriatico, e predilige vivere su fondali fangosi in colonie molto numerose, raggiungendo una profondità anche di 100 metri.

Una piccola curiosità: il murice spinoso ha avuto un importante ruolo nella storia della civiltà, essendo utilizzato da Egizi, Fenici e Greci per produrre la tinta porpora.

Prescelti dal mare per farvi un dono prezioso